Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Scalea: "Visita di Putin ha un valore importante"

© Sputnik . Michael KlimentyevVladimir Putin e Matteo Renzi
Vladimir Putin e Matteo Renzi - Sputnik Italia
Seguici su
Il presidente russo Vladimir Putin è atteso in Italia. La visita di Putin avverrà il 10 giugno nell'ambito dei festeggiamenti per la Giornata della Russia, l'evento speciale dedicato al paese partecipante all'Expo.

Nei due giorni di visita ufficiale in Italia Putin sarà ricevuto anche al Quirinale dal Capo dello Stato Italiano Sergio Mattarella e poi avrà un udienza con Papa Francesco. Daniele Scalea, Direttore Generale dell'Istituto di alti studi in geopolitica e scienze ausiliarie ha raccontato a Sputnik-Italia le sue previsioni alla vigilia di questa visita importante.

Che significato ha la visita del presidente russo Putin in Italia, tenendo presente l'attuale situazione geopolitica?

"Innanzitutto, la vista del capo dello stato russo — di una figura che oggi in Occidente gode della pubblicità controversa, ha un valore importassimo e simbolico per l'Italia. E' una dimostrazione che i nostri paesi rimangono amici e mantengono i rapporti normali. C'è pure un valore pratico perché' Putin avrà l'occasione di confrontarsi con i più importanti personalità".

Vladimir Putin - Sputnik Italia
All’Expo con Putin per festeggiare la giornata della Russia

Secondo le fonti ufficiali della Santa Sede e del Quirinale dopo la visita all'EXPO, dove Putin sarà accompagnato dal premier Matteo Renzi, il presidente russo farà uno scalo anche a Roma per incontrare  il Capo dello Stato Sergio Mattarella e Papa Francesco.  Quali temi potrebbero discutere?

La visita a Mattarella si inserisce nel quadro più ampio dei colloqui sui rapporti bilaterali. Nel caso di Papa Francesco sicuramente verrà toccata questione ucraina ma ci sarà un dibattito più profondo. In questa fase Putin è l'unico capo dello stato di una grande potenza che pone una grossa enfasi sul suo ruolo del protettore dei cristiani  in regioni che loro subiscono la difficoltà o del preservatore dei valori cristiani anche in Occidente, dove vengono attaccate da alcuni nuovi atti legislativi. In questa questione Putin sta trovando una sponda valida e positiva in Papa Francesco che ha abbondato certi visioni di attrito tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa. Francesco e Putin hanno un rapporto di fiducia. Basta ricordare la famosa lettera aperta del Pontefice al capo dello stato russo scritta in occasione della crisi siriana. Un gesto fortissimo. Comunque, le tensioni tra le due potrebbero aumentare adesso che la questione ucraina riguarda ovviamente anche la crisi tra un'area occidentale, dove la presenza dei cattolici e della chiesa unità è molto alta. Malgrado questo, Papa Francesco sta mostrando la volontà di non privilegiare lo "scontro" per ulteriormente aumentare il peso delle chiesa cattolica, ma vuole costruire un'alleanza strategica con la dirigenza russa che si sta presentando come la protettrice dei valori cristiani.

© Sputnik . Mikhail KlimentyevIl presidente russo Vladimir Putin durante l'incontro con Papa Franceso al Vaticano
Il presidente russo Vladimir Putin durante l'incontro con Papa Franceso al Vaticano - Sputnik Italia
Il presidente russo Vladimir Putin durante l'incontro con Papa Franceso al Vaticano

Qualche giorno fa a Mosca, dopo una stretta di mano con il capo del Cremlino, il Ministro degli Esteri Italiano Paolo Gentiloni ha detto che la missione di Putin si presenta come una "tappa importante" ed un' "ulteriore occasione per il dialogo e il rilancio delle relazioni" bilaterali. Condivide il parere del capo della Farnesina?

"Si, Italia ha lavorato in questi mesi — parlo due visite di Gentiloni a Mosca e quella di Renzi subito dopo l'omicidio di Boris Nemtsov. Tra i paesi europei l'Italia forse è il più critico verso il regime delle sanzioni contro la Russia e quello che ha  più interessi  materiali-economici ma anche politici per arrivare alla loro "rimozione". E quindi l'Italia mantiene aperto questo dialogo con la Russia  perché' in realtà le sanzioni discacciano non solo l'Italia ma molti altri paesi dentro l'Europa. Probabilmente l'Italia, che ha un rapporto tradizionalmente cordiale con la Federazione Russa, viene usata un po' come l'interlocutore che deve mantenere questo canale aperto con Mosca, e cercare quanto è possibile di arrivare ad una soluzione di questa situazione critica".

Paolo Gentiloni, ministro degli esteri italiano - Sputnik Italia
Gentiloni. L’italia proseguirà il dialogo con Putin

Le Sue previsioni: Nonostante le difficoltà che creano le sanzioni e le controsanzioni, i rapporti tra la Russia e l'Italia possono comunque andare avanti e marcare un passo in avanti rispetto alla tendenza dell'ultimo anno? Quali sono i punti di convergenza tra i due paesi?

"I punti di convergenza sono la collaborazione a livello economico-commerciale e la dipendenza dell'Italia dal gas e petrolio russo, una relazione cordiale anche al livello politico-culturale ormai tradizionale. A questo ci aggiungerei il fatto che per la Russia l'Italia rimane un interlocutore previlegiato in Europa, che utilizza una linea morbida nei confronti di Mosca rispetto, ad esempio, a Polonia e Paesi Baltici. Dall'altro lato, l'Italia sta promuovendo l'importanza della Russia come attore mediterraneo. In questo momento noi abbiamo una certa difficoltà in questa regione e il coinvolgimento della Russia nella risoluzione della crisi libica potrebbe aiutarci a controbilanciare questa dinamica, che va contro i nostri interessi nel Mediterraneo. A livello ufficiale l'Italia si è mostrata varie volte non entusiasta delle sanzioni. Per cui credo che al di la dei danni economici, che purtroppo ci sono stati e ci saranno, il rapporto tra i due paesi per fortuna non è stato rovinato per via del regime di sanzioni".

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала