Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lavrov: Kiev voleva un'escalation del conflitto alla vigilia del G7

© Sputnik . Eduard Pesov / Vai alla galleria fotograficaSergej Lavrov
Sergej Lavrov - Sputnik Italia
Seguici su
La Russia spera che le ultime provocazioni nel Donbass non conducano al fallimento del processo negoziale nell’ambito degli accordi di Minsk, ha dichiarato il ministro degli Esteri della Russia Sergej Lavrov.

"Spero tanto che le ultime provocazioni attorno a Marjinka e le dichiarazioni bellicose nello spazio mediatico non conducano al fallimento di questo processo e che i sottogruppi di lavoro si riuniranno, come convenuto, già prossimamente per continuare il lavoro", — ha detto Lavrov nel corso di una conferenza stampa congiunta con il suo omologo bielorusso Vladimir Makey. 

Abitanti locali davanti a una casa distrutta dal bombardamento del quartiere Oktjabrskij a Donetsk - Sputnik Italia
Donetsk dopo l'ennesimo bombardamento

Secondo il ministro russo, Kiev voleva inasprire al limite la situazione nel Donbass alla vigilia del vertice G7. Lavrov ha anche sottolineato che la decisione dei partner occidentali, che condiziona la revoca delle sanzioni con l'implementazione degli accordi di Minsk, li trasforma in ostaggi delle autorità ucraine.

"Partiamo dal presupposto che Germania, Francia e alltri colleghi dell'Unione Europea, come anche gli Stati Uniti, lavoreranno con le autorità dell'Ucraina, sollecitandole a rispettare onestamente tutti gli aspetti degli accordi di Minsk. Crediamo che ciò sia ora il loro dovere, così come noi continueremo a lavorare con Donetsk e Lugansk, sollecitandole a continuare a sostenere in maniera costruttiva la piena attuazione degli accordi Minsk-2", — ha aggiunto Lavrov.

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала