Italia: omicidio stradale, c'è l'ok del Senato

© AFP 2022 / Andreas SolaroPrimi strascichi in casa Pd dopo il voto all’Italicum. Sel pronta a creare una nuova forza politica.
Primi strascichi in casa Pd dopo il voto all’Italicum. Sel pronta a creare una nuova forza politica. - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
La commissione giustizia del Senato approva il testo che andrà adesso in aula. In caso di approvazione, fino a 18 anni di carcere per chi uccide alla guida di un'auto o una barca.

Dopo anni di proposte parlamentari e richieste da parte delle associazioni delle vittime della strada, pronto per passare al vaglio dei voti del Parlamento, il reato di omicidio stradale, ancora assente nel codice penale italiano.

Secondo il testo licenziato dalla commissione Giustizia di Palazzo Madama, pene severissime saranno previste per chi uccide alla guida di un'auto o di una barca sotto effetto di sostanze stupefacenti o alcool, 12 anni. Gli anni di carcere salgono a 18 nel caso di omicidio plurimo.

Previste pene severe anche per chi commettesse lo stesso reato non a causa delle precarie condizioni psicofisiche ma in conseguenza di una "manovra pericolosa": dai 7 ai 10 anni ad esempio se l'incidente mortale è causato attraversando con semaforo rosso, o facendo inversione del senso di marcia in prossimità di strisce pedonali.

Altro fattore che il legislatore ha inteso inserire come forma di deterrente è la revoca della patente, che può durare 15 anni se l'incidente mortale è causato in stato di ebrezza, e che arriva fino a 20 se in passato si è già stati rilevati positivi all'alcool test della polizia stradale. La revoca può arrivare ad un massimo di 30 anni al concorrere di tutti i fattori sin qui esposti, ossia nel caso di incidente mortale provocato in stato di ebrezza ed in violazione di altre norme del codice della strada. Proprio sui termini della revoca, che i sostenitori più convinti della legge vorrebbero perpetua, si registreranno probabilmente le maggiori frizioni in Parlamento, chiamato adesso ad esprimersi.

Il testo approvato dalla commissione in Senato dovrà adesso affrontare il normale iter parlamentare, dove presumibilmente verranno operate delle modifiche. L'emergenza delle morti vittime degli incidenti stradali è in continuo aumento così come sempre più frequenti sono i casi di mancato soccorso e fuga da parte dei responsabili degli incidenti. 

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала