Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Cinismo politico la riluttanza di Kiev ad indagare il massacro di Odessa

© Sputnik . Alexander Natruskin / Vai alla galleria fotograficaAlexey Pushkov
Alexey Pushkov - Sputnik Italia
Seguici su
Decine di attivisti del movimento “AntiMaidan” sono morti il 2 maggio di un anno fa durante l'incendio nella Casa dei Sindacati, appiccato dagli ultranazionalisti di "Pravy Sektor".

In Ucraina i diritti umani sono diventati vittima del cinismo politico, ha affermato il presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov, commentando la riluttanza delle autorità ucraine ad indagare la tragedia di Odessa del 2 maggio dello scorso anno.

"In 1 anno nessuno nessun Parlamento dell'Europa ha condannato Kiev per la riluttanza ad indagare il massacro di Odessa. I diritti umani sono diventati vittima del cinismo politico",

— ha twittato Pushkov.

In precedenza il ministero degli Esteri russo aveva dichiarato che Mosca aveva chiesto alla comunità internazionale di sollecitare Kiev a condurre un'indagine approfondita e imparziale sui tragici fatti di Odessa del 2 maggio e di assicurare i colpevoli alla giustizia, dal momento che le autorità ucraine non avevano intrapreso "passi concreti" in questa direzione.

 

 

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала