Lavrov: membri dell’UE devono decidere sulla base dei loro interessi nazionali

© Foto : Russian Foreign MinistrySergej Lavrov, ministro degli Esteri
Sergej Lavrov, ministro degli Esteri - Sputnik Italia
Seguici suTelegram
Quella delle sanzioni è una solidarietà falsa

Secondo il ministro degli Esteri della Russia, quando si tratta di prendere delle decisioni sulle sanzioni contro la Federazione Russa, i membri dell'Unione Europea devono votare in funzione dei loro interessi nazionali e non sulla base dei "falsi principi di solidarietà".

"Vogliamo che ogni paese dell'UE scelga le sue priorità e i propri partner nell'arena regionale e internazionale, ispirandosi ai loro veri interessi nazionali piuttosto che ai principi cervellotici che tra l'altro non sono principi, ma solo dei pretesti per tener tutti legati al carro antirusso", — ha detto Sergej Lavrov nel corso della conferenza stampa a conclusione delle trattative con il ministro degli Esteri dell'Armenia Eduard Nalbandyan.

L'Unione Europea ha varato sanzioni contro alcuni cittadini e aziende della Russia in primavera dell'anno scorso, protestando così contro la posizione di Mosca in merito all'Ucraina. Le sanzioni scadevano il 15 marzo dell'anno in corso, ma due giorni prima, il 13 marzo, l'UE ha prorogato le restrizioni ancora per 6 mesi — filo al 15 settembre.

Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала