Alyona Rakitina Redazione Online
21 gennaio 2014, 14:45

Edward Snowden svela alla Russia i segreti sugli UFO

Edward Snowden svela alla Russia i segreti sugli UFO

Edward Snowden ha passato ai servizi d’intelligence russi prove inconfutabili non soltanto dell’esistenza di un’intelligenza aliena, ma anche che dalla metà del secolo scorso gli stessi Stati Uniti d’America sono governati dagli extraterrestri. Questa notizia è arrivata ai mass media la settimana scorsa.

L’agenzia di informazione iraniana Fars News Agency l’ha ottenuta dal sito whatdoesitmean.com. Si può concordare sul fatto che sia piuttosto strano che proprio questo sito sia stato il primo a venire a conoscenza di una notizia di tale rilevanza, a meno che non sia stato lo stesso Edward Snowden a metterlo personalmente in copia come ricevente nel momento in cui ha inviato all’FSB (Servizi Segreti Russi) un’informazione così importante.

Nel “dossier alieno” si informa che il potere in America non appartiene a nessun governo in carica, ma agli extraterrestri; si dice anche che dopo “l’insuccesso” della Germania nazista nella Seconda guerra mondiale, gli alieni che aiutavano il Terzo Reich ad avere la supremazia mondiale passarono dall’altra parte dell’Atlantico e proposero servizi analoghi per la conquista del mondo agli USA, ritenendo che questo Stato avesse il maggiore potenziale per tale tipo di iniziativa.

In questo si conclude lo stesso “articolo”, mentre poi troviamo brani di interviste all’ex ministro della Difesa del Canada Paul Hellyer, rilasciata recentemente a Sophie Shevardnadze sul canale Russia Today. Il signor Hellyer comunica di essere assolutamente sicuro dell’esistenza degli extraterrestri e perfino di aver visto personalmente un oggetto volante non identificato.

L’ex ministro ha inoltre dichiarato che al momento attuale vi sono sulla Terra dai 2 ai 12 tipi diversi di alieni:

Con le Forze aree degli USA collaboravano i cosiddetti “biondi nordici” e i “bianchi alti”, che possono restare facilmente non riconoscibili. Vi sono però molti tipi di alieni, tutti differenti... se incontrate un piccoletto grigio, capirete di non aver visto mai niente di simile prima. Ma se vedete un biondo nordico, penserete di avere di fronte un danese o qualcuno di quelle parti; però ho un amico che può riconoscerli, е ne ha persino visto uno per la strada.

Si basa sulle sue considerazioni sulle voci sentite, sulle storie e sulle congetture (anche se, capirete bene, il ministro della Difesa canadese avrebbe potuto avere accesso a informazioni più fondate e affidabili, piuttosto che su racconti di "un amico" o sulle lettere di un "testimone"). Nell’intervista egli ha anche fatto notare che esista una “federazione interplanetaria, che li riunisce tutti”. Interessante…il signor Hellyer è un fan di “Guerre Stellari” di George Lucas? Eppure il suo racconto entusiasta di una federazione spaziale è chiaramente ispirato al soggetto del leggendario film.

E che c’entra qui Edward Snowden, direte voi? Ad essere sinceri, nulla. Tutte le informazioni di denuncia sugli extraterrestri non solo altro che un’ennesima bufala giornalistica. Però, se ragioniamo per bene, o se supponiamo almeno per un attimo che una qualche informazione di questo tipo sia stata passata dall’informatore americano ai servizi russi, allora nessuno mai lo avrebbe saputo. E se qualcuno lo avesse saputo, quel qualcuno non sarebbe stato di certo il sito whatdoesitmean.com.

Evidentemente, i giornalisti non avevano altro da scrivere a questo proposito, se la prova dell’esistenza degli alieni e del loro complotto è diventata l’intervista con l’ex ministro della Difesa del Canada, che racconta appassionatamente degli “omini grigi”. Vale la pena di ricordare che Paul Hellyer è un uomo molto anziano, che in patria ha già ottenuto una certa fama grazie alle sue dichiarazioni sugli UFO. Così, credergli o meno diventa un fatto personale. Alla fin fine, anche questa volta non sapremo se ci sono alieni in mezzo a noi oppure no. Ma non rilassatevi troppo, la verità potrebbe essere dietro l’angolo.

/s 

  •  
    Condividere su